Parchi nazionali in Madagascar

I parchi nazionali - Namatours viaggi solidali in Madagascar

TSINGY DE BEMARAHA

QUANDO ANDARE: DA APRILE AD OTTOBRE

Patrimonio dell’Umanità e dell’Unesco, questo parco è conosciuto per i suoi frastagliati pinnacoli calcarei chiamati TSINGY che possono raggiungere anche diverse centinaia di metri. Può essere visitato grazie alle infrastrutture che l’uomo ha costruito: vie ferrate, percorsi alpinistici attrezzati, scalette, ponti di corda e passerelle. Nel parco vivono 11 specie di lemuri come il sifaka di Decken, il lemure dalla fronte rossa e l’apalemure, oltre a più di 100 specie di uccelli tra cui l’aquila di mare del Madagascar a serio rischio di estinzione.

ISALO

QUANDO ANDARE: DA MAGGIO AD OTTOBRE

800 kmq di natura spettacolare, rocce variopinte, colline che sembrano scolpite e profondi canyon dove scorrono, tra la vegetazione rigogliosa, ruscelli che si aprono in piscine naturali. Facile avvistare i lemuri catta, i lemuri dalla fronte rossa e i Sifaka di Verreaux. Da non perdere la FENETRE DE L’ISALO una finestra di roccia che incornicia il sole durante il tramonto e la REINE DE L’ISALO una particolare formazione rocciosa che ricorda la regina Elisabetta.

I parchi nazionali - Namatours viaggi solidali in Madagascar
I parchi nazionali - Namatours viaggi solidali in Madagascar

ANDASIBE MANTADIA

QUANDO ANDARE: DA OTTOBRE A NOVEMBRE (FIORITURA DELLE ORCHIDEE)

Formato da due distinti parchi, la Réserve Spéciale d’Analamazaotra, più facile da raggiungere e da visitare e il Parc National de Mantadia più difficile da affrontare. Il primo è più frequentato e poco esteso, è possibile vedere, ma soprattutto sentire l’Indri, raro lemure famoso per il suo urlo. 60 gruppi familiari formati da 5/6 elementi popolano questa riserva, oltre ad altre specie di lemuri, 11 specie di camaleonte gigante di Parson, oltre 100 specie di uccelli e più di 20 specie di anfibi. Nel 2005 qui è stato scoperto il microcebo di Goodman. Il secondo è stato istituito principalmente per proteggere l’Indri, è un’ampia area verde, arricchita da cascate e natura ancora incontaminata.

ANJA

QUANDO ANDARE: DA APRILE A DICEMBRE

La riserva di Anja è una piccola area protetta di una superficie di 30 ettari, gestita da un’associazione paesana a sud di Ambalavao. La riserva di Anja è un’ottima occasione per scoprire i lemuri catta, i celebri lemuri dalla coda ad anelli bianchi e neri. Qui, questi animali sono abituati alla presenza dell’uomo e non esitano a mettersi in posa davanti alla tua macchina fotografica. L’escursione nella riserva permette di esplorare i magnifici paesaggi della regione, il verde brillante delle risaie crea un contrasto stupefacente con il colore giallo dell’erba e delle impressionanti montagne si ergono sul visitatore.

I parchi nazionali - Namatours viaggi solidali in Madagascar
I parchi nazionali - Namatours viaggi solidali in Madagascar

ANKARANA

QUANDO ANDARE: DA GIUGNO A DICEMBRE

Gli appuntiti pinnacoli calcarei, detti TSINGY, circondati da foresta secca creano straordinari e selvaggi paesaggi che solo in Madagascar si possono vedere. Sotto a questi pinnacoli si trovano profondi canyon e numerose grotte popolate da pipistrelli, la cui storia è avvolta nella leggenda e nel mistero, dato che in queste formazioni i Merina, etnia del Madagascar settentrionale, si rifugiavano durante le guerre tribali.

MONTAGNE D’AMBRE

QUANDO ANDARE: TUTTO L’ANNO

Situato a 1000 mt d’altezza il suo territorio è quotidianamente bagnato da piogge che creano un’importante riserva d’acqua per la vicina città di Diego Suarez. É possibile fare piacevoli passeggiate nella foresta, tra cascate e laghi. 7 specie di lemuri si possono avvistare in questo parco oltre a numerosi rettili ed anfibi. Qui vive il camaleonte nano, il più piccolo camaleonte al mondo.

I parchi nazionali - Namatours viaggi solidali in Madagascar
I parchi nazionali - Namatours viaggi solidali in Madagascar

RANOMAFANA

QUANDO ANDARE: DA SETTEMBRE A DICEMBRE

Fondato nel 1991 occupa 400Kmq di colline, foresta primaria con i suoi maestosi ed enormi alberi e foresta secondaria. Non è facile avvistare animali ma le esperte guide riescono spesso a vedere il famoso e raro apalemure dorato. Moltissime specie di rettili ed anfibi, oltre 100 specie di uccelli di cui ben 68 endemiche del Madagascar vivono in questo parco circondati da un’unica e spettacolare flora di orchidee, felci giganti, muschi, palme e boschetti di bambù. Suggestivi sono i rumori di rane e cicale che avvolgono il visitatore.

MASSIF DE L’ANDRINGITRA

QUANDO ANDARE: DA OTTOBRE A NOVEMBRE

Maestosa catena montuosa ideale per appassionati di escursionismo, all’interno del parco si snodano ben 100 km di sentieri e per i più preparati è possibile salire fino alla cima del PIC BOBY che con i suoi 2658 mt è la vetta più alta del paese. Il parco non è facile da raggiungere ma ne vale la pena per ammirare gli altopiani meravigliosi, le piccole zone di foresta primaria, i ruscelli e le cascate. É un’area adatta alle escursioni e meno all’avvistamento di fauna selvatica, ma si possono comunque osservare i lemuri catta.

I parchi nazionali - Namatours viaggi solidali in Madagascar

ZOMBITSE-VOHIBASIA

QUANDO ANDARE: DA APRILE A DICEMBRE

Parco poco conosciuto, ma facilmente accessibile, è una densa foresta nel mezzo di un paesaggio semi-desertico. Quel che resta della foresta offre rifugio a molti uccelli tra cui il rarissimo Bulverde di Appert che non riesce a sopravvivere in nessun altra parte del pianeta se non qui. Molte specie di lemure notturni sono presenti nel parco ma è facile avvistare gruppi di Sifaka e il lepilemure di Hubbard (a serio rischio di estinzione).

Questo sito utilizza cookies indispensabili per il suo funzionamento. Cliccando Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookies.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy

ENTRA NELLA COMMUNITY

Unisciti ai nostri viaggiatori e vieni a scoprire l’altro Madagascar!

Riceverai subito il link per scaricare GRATUITAMENTE il libro “LA FINE DELLA TERRA” di Massimo Lazzari.